Interpretazione sogni psicologa

Sogni e Psicoterapia

Approccio e teorie

19 Ottobre 2019


Fin dalla preistoria c’è stato interesse da parte dell’uomo per il sogno.
L’interpretazione dei sogni da sempre ha affascinato l’essere umano, secondo Freud ogni sogno è un desiderio nascosto.
Jung sosteneva che il sogno può essere una rilettura di un episodio o di un evento della nostra vita, può essere quindi un nuovo punto di vista che il sognatore non aveva preso in considerazione.

L’approccio ermeneutico-fenomenologico nell’interpretazione dei sogni 

Negli ultimi anni ci si è posti i seguenti quesiti:

  • Il sogno è un comportamento psicologicamente significativo?
  • Il sogno ha un valore psicologico specifico?
  • Il sogno è interpretabile? Se si, esiste una metodologia scientifica per l’interpretazione dei sogni?

I sogni “parlano” quando hanno qualcosa da dire, i sogni quindi si possono interpretare solamente se ci interpellano.

Il sogno quando è scollegato dal giudizio non dice e non parla.
L’essere sempre “se stesso” nel racconto di sé non può avvenire nel sogno, per questo motivo l’attività onirica non può essere storica.

Il mondo vigile, invece, è storico in quanto possiamo ritornare sui medesimi episodi della nostra vita.

Nel sogno non c’è identità narrativa nel racconto, non si sente il corpo, per questo motivo spesso i sogni sono bizzarri. 

Per interpretare un sogno quindi è necessaria la storia di vita della persona che sogna, bisogna quindi contestualizzare il sogno.

Il sogno è sempre il sogno di qualcuno.

Nel sogno si manifestano i modi di essere del sognatore, l’attività onirica è un teatro in cui la persona può esistere, soprattutto a livello emotivo, in modi diversi in situazioni esistenziali conosciute.

Ermeneutica onirica

  • Contestualizzare il sogno nel contesto “veglia-sonno-veglia”
  • Lasciare che il sogno si manifesti (aprire i significati del sogno)
  • Contestualizzarlo secondo ermeneutica (apertura storica verso lo spazio di esperienza del sognatore)
  • Svilupparlo secondo esistenza (aprire il significato del sogno verso il futuro, verso l’orizzonte d’attesa del sognatore)

Come ricordare i sogni

Il modo migliore per ricordare i sogni è quello di tenere un diario dei sogni sul quale scrivere, appena svegli, il sogno.

Questa tecnica ci permette di avere un filo sequenziale delle immagini e dei vissuti onirici.

Il diario dei sogni è utile per noi stessi, ma soprattutto nel caso in cui stessimo facendo un percorso con uno psicologo e volessimo portare in seduta il nostro sogno.


Consulenza psicologa in studio

Dott.ssa Alessandra Merola

Chi sono

Contattami

Chiedi una consulenza psicologica


Cliccando su invia accetti le condizioni di utilizzo del sito e l’informativa sul trattamento dei dati personali.